Statuto

Art.1.
E' costituita una Associazione libera ai sensi degli Articoli 36 e seguenti del Codice Civile denominata: ASSOCIAZIONE PRODUTTORI PASTA FRESCA o, in forma abbreviata: A.P.Pa.Fre.
Art.2.
L'Associazione ha per scopo quello di contribuire e tutelare gli interessi dei pastai italiani in campo nazionale ed internazionale, promuovere la studio di leggi e decreti, divulgare ai soci informazioni su iniziative legislative e fornire istruzioni specifiche sulle modalità di applicazione delle norme vigenti per le paste e gli gnocchi freschi con e senza ripieno. Promuovere i collegamenti necessari tra le aziende produttrici associate, organizzare convegni, seminari di studi anche con altre categorie commerciali o industriali. Assumere idonee iniziative per l'assistenza sia in sede giudiziale che extra giudiziale per la tutela degli interessi di tutti gli associati.
Art.3.
E' escluso dalle finalità dell'Associazione qualsiasi scopo di lucro. E' inoltre esclusa qualsiasi attività commerciale.
Art.4.
L'Associazione ha sede in: c/o CNA PIEMONTE NORD - Viale Dante Alighieri 37 28100 NOVARA (NO).
Art.5.
L'Associazione ha durata illimitata.
Art.6.
A) Sono soci ordinari le aziende che operano nel settore della produzione di pasta fresca e gnocchi freschi che hanno partecipato alla costituzione, nonché quelle che, operando nel settore, verranno ammesse successivamente dal Consiglio Direttivo a seguito di loro domanda e che verseranno, all'atto dell'ammissione, la quota di adesione che verrà annualmente stabilita dall'Assemblea.
Ogni socio è tenuto al versamento di una quota fissa di adesione all'Associazione, alle aziende fino a cinque addetti si applica una riduzione del 50% della quota annuale di adesione. I soci non assumono alcuna responsabilità oltre l'importo delle rispettive quote.
I soci che non avranno presentato per iscritto le loro dimissioni entro il 30 ottobre di ogni anno saranno considerati soci anche per l'anno successivo ed obbligati al versamento della quota annuale di associazione.
La qualità di socio si perde per dimissioni, per morte o per esclusione deliberata dal Consiglio Direttivo in caso di morosità, o di indegnità del socio a causa di attività pregiudizievole all'Associazione o incompatibile con le finalità della stessa deliberata dall'Assemblea. E' escluso qualsiasi rimborso ai soci in caso di recesso.
B) Sono soci sostenitori le aziende di cui al punto A), a conduzione familiare e fino a tre addetti, le quali potranno partecipare alle Assemblee ma non hanno diritto di voto. La quota associativa verrà fissata annualmente dall'Assemblea.
C) Sono soci onorari le aziende di settori collaterali alle aziende del settore di cui ai punti A) e B), quali ad esempio le aziende che forniscono materie prime e/o semilavorati, che desiderano sostenere l'attività della nostra associazione con erogazioni liberali.
Art.7.
L'Associazione trae i mezzi per conseguire i propri scopi:
  • a) dalle quote di adesione dei soci,
  • b) dagli eventuali contributi straordinari dei soci,
  • c) dai contributi e/o erogazioni liberali a qualsiasi titolo ricevuti da persone fisiche e/o giuridiche pubbliche e/o private.
  • d) dai proventi delle attività dell'Associazione.
Art. 8.
Sono organi dell'Associazione:
  • a) l'Assemblea dei soci,
  • b) il Consiglio Direttivo,
  • c) il Presidente,
  • d) il Segretario,
  • e) i Revisori dei Conti.
Tutte le cariche sono gratuite salvo il rimborso delle spese in ragione dell'incarico. Tuttavia il Consiglio Direttivo potrà attribuire al Segretario una indennità annuale.
Art.9.
L'Assemblea è costituita da tutti i soci in persona dei rispettivi legali rappresentanti o di incaricati muniti di idonea delega scritta dell'azienda associata. L'Assemblea è convocata almeno una volta all'anno dal Presidente entro la fine del mese di aprile per l'approvazione del rendiconto finale d'esercizio. L'Assemblea è inoltre convocata ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno ovvero quando ne sia fatta richiesta motivata da almeno 3/10 dei soci.
Art.10.
Le convocazioni dell'Assemblea sono fatte mediante lettera spedita a ciascuno dei soci almeno cinque giorni prima di quello fissato per la riunione, per fax o E-Mail.
Art.11.
Sono di competenza dell'Assemblea:
  • a) l'approvazione dei programmi ed indirizzi generali dell'Associazione,
  • b) l'approvazione della relazione del Consiglio Direttivo sull'attività svolta dall'Associazione,
  • c) la determinazione delle quote annuali di adesione e dei contributi straordinari a carico dei soci,
  • d) l'approvazione del rendiconto finale e quello di previsione,
  • e) la nomina del Presidente,
  • f) la nomina del Consiglio Direttivo,
  • g) la nomina del Segretario,
  • h) la nomina del Collegio dei Revisori,
  • i) le altre delibere attinenti all'attività dell'Associazione, ad essa sottoposte dal Consiglio, nonché i casi di esclusione dei soci per indegnità,
  • j) le eventuali modifiche dello Statuto, lo scioglimento dell'Associazione e la devoluzione del patrimonio residuo.
Art.12.
Ogni socio ha diritto ad un voto.
L'Assemblea è validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno la metà del numero complessivo dei soci, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci intervenuti o rappresentati.
Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta di voti.
Per le elezioni delle cariche sociali è sufficiente la maggioranza relativa.
Il Presidente verrà eletto dall'Assemblea con la presenza della maggioranza assoluta dei soci aventi diritto al voto.
Art.13.
Per le modifiche al presente Statuto richiesta la presenza di almeno i _ degli associati e la maggioranza assoluta dei voti. Per lo scioglimento dell'Associazione e la devoluzione del patrimonio è richiesto il voto favorevole dei _ dei voti.
Art.14.
Il Consiglio Direttivo è composto da un numero di membri variabile da due a sei, oltre al Presidente, eletti dall'Assemblea. Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni. I Consiglieri sono rieleggibili. In caso di cessazione di un Consigliere nel corso dell'esercizio è in facoltà del Consiglio stesso di cooptare il sostituto che rimarrà in carica sino alla prossima assemblea.
Le riunioni sono convocate con avviso contenete l'ordine del giorno spedito sia per raccomandata sia per telefax o per E-Mail almeno otto giorni prima dell'adunanza ( salvi i casi di urgenza) e sono presiedute dal Presidente o in mancanza da persona designata dagli intervenuti.
Il Consiglio è validamente costituito con la presenza di almeno la metà dei suoi componenti e delibera a maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto di chi presiede.
Art.15.
Al Consiglio è affidata la gestione ordinaria dell'Associazione, la promozione e l'organizzazione dell'attività sociale, la erogazione dei mezzi di cui dispone l'Associazione per il raggiungimento dei fini di cui al presente statuto.
Il Consiglio può delegare parte dei suoi poteri ad uno o più dei suoi membri.
Art.16.
Al Presidente spetta la legale rappresentanza dell'Associazione, con firma libera, con facoltà di nominare procuratori alle liti o ad negozia, provvede alla convocazione dell'Assemblea e del Consiglio e ne presiederà le riunioni.
Art.17.
Il Segretario cura l'esecuzione delle delibere del Consiglio e la gestione ordinaria dell'Associazione. Esercita le altre funzioni eventualmente delegategli dall'Assemblea all'atto della nomina o dal Consiglio.
Art.18.
Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri effettivi eletti anche tra i non soci dall'Assemblea, con la designazione del Presidente. Il Collegio dei Revisori dei Conti esercita le funzioni di controllo contabile dell'Associazione e ne riferisce all'assemblea. I Revisori dei Conti restano in carica tre anni e sono rieleggibili.
Art.19.
In caso di scioglimento dell'Associazione, o comunque di sua cessazione per qualsiasi causa, l'eventuale patrimonio residuo sarà devoluto per gli scopi dell'Associazione, escluso in ogni caso qualsiasi rimborso ai soci.

CNACNA Alimentare